I prezzi della Sigaretta elettronica

Per astenersi di farsi una sigaretta avevo ormai tentato pressoché tutte le soluzioni disponibili: cerotti, psicoterapia, nauseabonde goma da masticare e spilloni agopunturali conficcati in tempie e lobi. Restava solo lei, la sigaretta elettronica. Ma inizialmente di comprare una era per me essenziale saperne il più possibile.

Sigaretta elettronica prezzi, etica e veridicità

Ho dunque consultato medici, un’amica farmacista, un genitore tabaccaio ed una cartomante di rondò Spagna. Ma specialmente ho cercato in internet alla caccia di regolamenti, certificazioni, articoli di approfondimento, opinioni illustri e pronunce istituzionali. Per riuscire ad una risoluzione elementare in quale misura modicamente rilassante: nessuna osservazione condotta finora ha rilevato rischi, fatta deroga per come abbiamo ormai sopraddetto della nicotina (che è un veleno, anticamente tuttora di una droga).

I costi della sigaretta elettronica variano notevolmente, ma per l’acquisto di articoli mediamente affidabili l’investimento da calcolare è chiaramente minore a colui chi consuma un pacchetto di sigarette classiche a giornata: una sigaretta elettronica di discreta fabbricazione, correntemente fornita in due unità all’interno della stessa confezione, costa dai 50 agli 80 Euro.

Le cifre si fanno fino ad ora più contenute se si propende per il acquisto per mezzo di negozi online giusto a causa della scarsa nozione e regolamentazione del mercato, malauguratamente in certi negozi si usa un considerevole ed immotivato ingrandimento dei ricarichi, di tanto in tanto anche attraverso il ricorso a stratagemmi. Come ad esempio il rivendere specificamente e-cig originariamente impacchettate (e alla maniera di tali pubblicizzate) in doppia unità. Per confrontare i prezzi si può utilizzare www.svapotop.com .

Cosa incide sulla Sigaretta elettronica prezzi:

Al valore della sigaretta elettronica va associato quegli dei ricambi, che tuttavia non incide in misura tangibile sulla spesa mensile: 5/10 Euro. C’è insomma da giudicare le ricariche, e qui l’entità dell’esborso cambia sensibilmente da svapatore a svapatore. Un flacone di e-liquid da 20 ml prodotto in Italia costa mediamente 10 Euro, autonomamente dalla concentrazione di nicotina; per un ex fumatore “leggero” eventualmente ne basterà uno ogni due / tre settimane, per gli altri sarà eventualmente opportuno acquistarne 6 al mese o poco più.

Le sostanze disponibile in svariati gusti più o meno uquali al sapore del tabacco sono solitamente composti in misura variabile da:

• Glicole propilenico (blandamente velenoso in abbondanza “industriala”)

• Glicerolo

• Acqua

• Nicotina (in misura variabile da 24 a 4 mg/ml).

Data l’impossibilità di provare per conto proprio l’effettiva dose di nicotina e glicole propilenico, o di eventuali altre sostanze, io non mi rifornirei all’estero per prendere ricariche per la sigaretta elettronica. Per quanto ad ora neppure in Italia siano in forza regolamenti sulla rigorosa certificazione delle sostanze e della loro mescolanza. Ma per la cronistoria è dovuto dirlo: in Polonia certi produttori praticano prezzi particolarmente inferiori alla media (5 Euro per 20 ml, ad esempio).

Sigaretta elettronica prezzi

Esistono svariati modelli di sigarette elettroniche, i modelli mini (Serie M, 510, 901, 808 ecc.), medium e BB (big battery). Abitualmente chi abbandona la sigaretta classica tende ad ottenere la sigaretta mini il quale è la più somigliante alla sigaretta classica e carina esteticamente pure non si può reggere fra le dita come se fosse una sigaretta tradizionale a tabacco, a maggior ragione non la si può trattenere in bocca e la sua batteria ricaricabile dura meno di 2 ore (questo dipende da in quale misura si utilizza). Per gravare questa categoria di sigaretta elettronica ci vogliono più di 3 ore al di là del fatto che il recipiente del fluido ha una bassa capacità. E’ veramente preoccupante stare ogni volta a ricaricare il acumulatore e il la sostanza di vaporisare, dunque sconsiglio di comprare una sigaretta elettronica mini. Tutti quelli che l’anno acquistata in conclusione sono passati ad un prototipo di esigaretta medium o big battery (dunque hanno speso altri quattrini!), quest’ultimo offre delle prestazioni migliori ma è più calzante agli esperti, dunque consiglio come iniziale acquisto una sigaretta elettronica medium che molti chiamano ego w, ego f ed in tanti altri modi.

Si possono fare uso diversi tipi di acumulatori (650/900/1000 mah, più si sale di cifra e più aumenta il tempo della batteria). La 650 offre un’autonomia di suppergiù di 3 ore ad uno fumatore elettronico moderato, ricaricarla richiede non piu dei 2 ore. Sopra è possibile montare ciò che si vuole. Un kit medium completo comprendente 2 batterie (con 2 batterie potete svapare per circa 6 ore eh, mica male) viene venduto ad un valore che si aggira sui 50€. Deferenza ad una sigaretta elettronica mini (che vi farebbe gettare suppergiù 50€ nel cesso), il giorno che deciderete di andare ad un prototipo big battery continuerete a tenere il esemplare medium. Io uso la big battery in appartamento nel momento in quale esco uso la mia innamorata ego da 650 mha (oppure il modello medium) in nella misura che è compatta alla maniera di una penna, dunque non la si sente di esagerato nelle tasche. Il kit integrale di una sigaretta elettronica medium può iniziare dai 40€ fino ad raggiungere ai 120€.